La nostra storia

CSA nasce a L’Aquila nel 1992, con un’esperienza ventennale in materia di sicurezza sul lavoro per grandi gruppi come ITALTEL, SELENIA SPAZIO e GRUPPO VIBAC e nel campo della gestione ambientale.

Nell’arco di pochi anni, CSA diventa un punto di riferimento, sia per gli enti pubblici che per le società private, passando dagli iniziali due soci ad un gruppo di oltre 50 persone tra ingegneri, architetti, fisici, chimici, informatici, laureati in scienze ambientali, tecnici di igiene ambientale e del lavoro, medici, legali e tecnici. Con l’introduzione del D.Lgs. 626/94 e con l’entrata in vigore del Testo Unico sulla Sicurezza, D. Lgs. N° 81 del 2008, CSA elabora un “pacchetto di servizi”, specifico che prevede l’assistenza completa e la responsabilità esterna del Servizio di Prevenzione e Protezione, la redazione della relazione sulla “Valutazione dei rischi”, la fornitura delle procedure operative per le attività aziendali a rischio ed il pacchetto base della formazione per i lavoratori, dirigenti e preposti, ricoprendo il ruolo di RSPP esterno con relativa nomina presso Enti di Sorveglianza, annoverando nel suo organico tecnici qualificati che sono in possesso dei requisiti professionali richiesti e, per clienti particolari, il ruolo di Datore di Lavoro secondo quanto previsto dal D.Lgs. 81/08, in materia di delega aziendale.

Nel periodo settembre ’96 – giugno ’97, CSA è stata incaricata dalla Giunta Regionale d’Abruzzo per l’espletamento dell’incarico di RSPP esterno e nello studio di un sistema prevenzionale consistente nella effettuazione di specifici sopralluoghi presso ciascuna delle 183 strutture facenti capo all’Ente, nella redazione delle relative “Valutazioni dei rischi” e nella formazione dei circa 2.000 dipendenti dell’Ente Regione.

Nel 1999, CSA è risultata aggiudicataria della gara europea bandita dal più grande acquedotto d’Europa, l’Ente Autonomo Acquedotto Pugliese, (ora AQP S.p.A.), per la realizzazione del sistema di prevenzione aziendale e la stesura del documento di Valutazione del rischio dei 4448 posti di lavoro (impianti di depurazione, di sollevamento e di distribuzione acqua potabile) nelle regioni Puglia, Basilicata e parte della Campania.

Sempre nel 2004 CSA è risultata vincitrice, in Associazione Temporanea di Imprese, della procedura concorsuale nazionale del Ministero dei Beni Culturali in materia di sicurezza e salute sul posto di lavoro per n° 17 biblioteche situate su tutto il territorio nazionale.

Ormai dal 2000 CSA si è dedicata con particolare attenzione alle certificazioni di qualità ambientale ISO 14000 e di qualità di sistemi di sicurezza OHSAS 18000 portando alla certificazione numerose imprese. Nello stesso periodo è stata implementata anche la revisione e la messa a norma di macchine ed impianti “usati”, di molte aziende, certificandoli con marcatura “CE”.

Nel 2010 la consociata CSA Team è risultata aggiudicataria, in RTI, di una Gara Europea per l’esecuzione di servizi inerenti la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro nelle Regioni Abruzzo, Lazio, Sardegna, Piemonte, Valle d’Aosta, Sicilia, Calabria, Basilicata con una Convenzione di un valore pari a ca. 37 Ml. di Euro

Nel 2012 CSA rende operativo il più grande impianto mobile, pubblico, di frantumazione e trasformazione delle macerie del terremoto.

Nel 2015 CSA Team è risultata nuovamente aggiudicataria della precedente "Gara Europea" SISTEMARE PERIODO GARA EUROPEA. 

Ad oggi il gruppo conta una sede operativa a Teramo, un laboratorio d'analisi chimiche, una società con elevata expertise nel mondo della medicina sul lavoro e la partecipazione ad un consorzio che gestisce impianti pubblici di gestione dei rifiuti urbani